COME PROMUOVERE IL TUO SPETTACOLO SU FACEBOOK

Ciao Writer,

i casi della vita sono infiniti e io mi son ritrovata spesso fra le mura dei più bei teatri d’Italia, a volte come spettatrice, altre come addetta ai lavori. Nel secondo dei casi, ero proprio io a dare una ragione al pubblico per acquistare il biglietto.
Ho passato tanto tempo a correggere file di locandine, manifesti e depliant da mandare in stampa, ma sono sempre più convinta che la carta sia finalmente destinata a rimanere sotto forma di cellulosa sugli alberi e che tutta l’attività di promozione possa arrivare alle persone giuste grazie al web.

Oggi voglio darti qualche utile dritta su come promuovere il tuo evento sulla tua pagina Facebook (se non ne hai una qui troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno)… senza sponsorizzazioni.

Immagini

Partiamo dall’inizio, dalle immagini. Se credi che una locandina basti, ti sbagli. Pubblicare sempre la solita foto, sebbene con un testo differente, annoierebbe chiunque. Le foto di scena non sono utili solo alla stampa, ma anche alla tua promozione online. Ridimensionale in un formato costante e, oltre ai credits, aggiungi il titolo o qualche altra informazione sul fondo (come ad esempio data, luogo e orario), così da poter salvare la foto come promemoria. Utilizza i primi piani degli attori e racconta le storie dei loro personaggi.

Storytelling

Se dai uno sguardo in giro, noterai che molti teatri o compagnie teatrali usano uno schema ricorrente, poco efficace e ancor meno interessante: condividere l’evento all’infinito ripetendo nel post titolo, luogo e orario in cui si terrà lo spettacolo. Per quanto si possa amare un teatro o un attore, credo che si debba sempre avere una buona motivazione per aprire il portafogli e mettersi in marcia verso la messa in scena.
Perché allora non dare qualche buona ragione raccontando qualcosa in più sullo spettacolo?! Credimi, non è difficile scrivere qualcosa sulla trama evitando gli spoiler o trovare qualche aneddoto interessante sull’opera che sta per calcare il palcoscenico. Se il testo è originale, invece, i dietro le quinte, le fonti di ispirazione e la presentazione dei personaggi saranno ottimi temi per la tua breve narrazione online.
Si, perché ti devi sempre ricordare che la brevità è un’arma a tuo vantaggio. Ricorda, less is more, ogni post dovrà essere composto da poche ed efficaci frasi.

Link

Certo, il tuo è quello di ottenere il maggior numero di spettatori al tuo spettacolo, ma dare qualche beneficio al tuo sito web (che spero tu lo abbia) non fa mai male. La pagina web dedicata allo spettacolo dovrà avere tutte le informazioni generali, dalla trama ai nomi del cast e, se possibile, rimandare anche alla biglietteria online sulla quale acquistare con più facilità i biglietti.
Tutto questo, ovviamente dovrà essere allegato al tuo post da un semplice link abbreviato. Ci sono diversi servizi di URL shortening, bitly.com è il mio preferito, ma ti puoi affidare anche a google shortener. Se ti affidi a piattaforme come buffer.com per gestire i tuoi account social saprai che i link vengono accorciati in automatico, così avrai una cosa in meno a cui pensare.
Io preferisco inserire nel post prima il link alla pagina completa dello spettacolo e nei successivi quello alla biglietteria.

#Hashtag

Venuti alla ribalta grazie a Twitter e Instagram, gli hashtag non sono altro che parole/etichette che servono ad evidenziare un argomento o un prodotto. Per esempio, quando un teatro offre più di una stagione è preferibile specificare a quale appartiene un dato spettacolo.
Anche lo stesso titolo può essere trasformato in hashtag, l’importante è non esagerare e associare l’# a una, massimo due parole… mai una frase.

Se seguirai queste piccole istruzione noterai che l’engagement dei tuoi post tenderà a salire e saranno anche pronti per Facebook Ads.

Giada Marcon

Addetta stampa, web writer appassionata di cinema, teatro, serie tv. WhateverSheWrote è il mio blog dedicato al blogging, alla scrittura e alla comunicazione. Iniziamo a scrivere?!

More Posts - Website - Twitter - Facebook - Google Plus

Lascia un commento